Affresco di San Vito

×Informazioni

Via San Pietro
Cantalupo in Sabina (RI)
Indicazioni su Google Map →

In località San Vito, in una zona di interesse archeologico, ma non ancora oggetto di studi, si trovano, in una cavità circolare, scavata all’interno di imponenti mura romane, in perfetto opus reticulatum,(I sec. A.C. al II sec. D.C.) , due pitture murali, collocabili nel periodo compreso tra il 1350 e il 1400.
Tali dipinti, uno delle dimensioni di 170×186 cm, raffigura un santo e l’altro di 70×65 cm il volto di Cristo.
Il Santo è rappresentato giovane e imberbe, vestito in abiti civili e lunghi calzari, accompagnato da un cane e un leone trasportante una palma nella mano destra e un libro nella sinistra. Viene tramandato come San Vito, e l’iconografia ce lo conferma. L’immagine di Cristo è incorniciata da un peplo e ci ricorda il culto della Veronica, che offrì il proprio velo a Cristo il quale lo calcò sul viso lasciandovi impressa la propria immagine. In questa pittura i capelli del Cristo sono corti e aderenti al viso; la barba si divide sulla punta, il nimbo è decorato da piccole croci e gli occhi di Cristo guardano diritto davanti a loro. Una particolarità è, l’immagine del Cristo soprastante il San Vito, che trovandosi in posizione orizzontale è visibile solo quando ci si trova in ginocchio sotto di essa. Questo conferma la vocazione devozionale delle due pitture.

+Elementi Correlati
+Meta dati

Pubblicato: 18 maggio 2016

Autore:

Categoria: Comune di Cantalupo in Sabina

Tags:

+Commenti

Lascia un Commento