Porta Romana

Home  /  Comune di Magliano Sabina  /  Scheda
×Informazioni

Nel tessuto urbano della città, porta Romana si inserisce tra i quattro accessi alla città ricordati dalle carte del primo quarto del 1500, insieme a porta Aspra o S. Croce, porta S. Lorenzo o Leone o S. Francesco e porta S. Angelo o porta Sabina.

Una particolare e controversa storia la sua. Non ne conosciamo la data di fondazione, tantomeno possiamo individuarne la sua ubicazione attraverso i secoli, almeno fino al primo ventennio del XIX secolo. Infatti, dalla lettura della pianta del catasto Gregoriano, apprendiamo che la porta era situata nello stesso punto dove oggi la si vede.

Nel disegno, però, non compaiono le due colonne come si vedono oggi, sembrerebbe una semplice apertura fatta nelle mura e rifinita sulla sezione delle stesse. Quando allora furono costruiti i due pilastri in mattoni sormontati dalle sculture in terracotta raffiguranti cani con sembianze leonine che sorreggono lo stemma di Magliano un cavaliere, il cavalier Manlio, a cavallo? L’apporto documentario ancora una volta è determinante. Un documento conservato nell’archivio storico comunale; infatti da un consiglio di giunta del 1880 apprendiamo che la giunta appunto, aveva approvato il progetto per la costruzione di porta Sabina su progetto dell’architetto O. Ormanni, lo stesso che progettò la loggia di Palazzo Vannicelli. Pur se la tipologia strutturale e materiale delle due porte  è differente, è certamente nello stesso torno di tempo che esse furono entrambe realizzate.

+Elementi Correlati
+Meta dati

Pubblicato: 1 febbraio 2018

Autore:

Categoria: Comune di Magliano Sabina

Tags:

+Commenti

Lascia un Commento