Palazzo della Signoria

×Informazioni

Piazza Monte Cavallo
Montopoli di Sabina (RI)
Indicazioni su Google Map →

Il Palazzo della Signoria di Montopoli di Sabina, è stato voluto da quel Capitano della casata Colonna che – espugnato il castello di Montopoli nel 1243 – vi aveva imposto la sua signoria. Il palazzo venne dotato di massicce difese: una torre di guardia e una porta chiudibile dalla parte delle contrade – necessaria nel caso di ribellioni popolari – due torri bastionate (ancora visibili dal Borgo che gli sta alle spalle) un accesso sotterraneo alla parte più elevata delle fortificazioni di Montopoli, il cosiddetto Cassero (la zona di comando con la Torre Ugonesca e la Casa del Capitano) un’uscita di sicurezza dalla parte del Borgo detta Porta Spinella, e infine una scaletta che portava direttamente al Borgo.

Ma gli abati di Farfa, accettando la dipendenza, il regime, gli aiuti e le imposizioni del Papato di Roma, poterono rientrare a poco a poco in possesso di quasi tutti i loro precedenti castelli. A Montopoli l’azione fu favorita dalla feroce guerra che alla fine del XIII secolo mise di fronte il Papato – in primis Bonifacio VIII – e la famiglia Colonna, che si trovò così nella necessità di abbandonare i suoi castelli più periferici.

In questo Palazzo della Signoria dunque, durante buona parte del XIV secolo – esautorati i Colonna – abitarono i nuovi signori : gli Abati di Farfa, a partire da Arnaldo – eletto nel 1348 – fino almeno a Nicolò II, morto nel 1399. 

Possiamo immaginare la vita che in quegli anni si faceva nel Palazzo della Signoria, leggendo il rimprovero che Santa Brigida di Svezia rivolge all’Abate Arnaldo: ” Tu signor abate, avresti dovuto essere lo specchio dei monaci (speculum religiosorum) e invece sei un condottiero di prostitute (caput meretricum) … preferisci la corruzione dei castelli alla vita santa del chiostro (inhabitas castra quam claustrum) … e ti sei fatto per i tuoi monaci non padre ma patrigno e matrigna (vitricus et noverca), tu passi il tempo tra vagabondaggi e lusso, mentre essi afflitti mormorano tutto il giorno”.

+Elementi Correlati
+Meta dati

Pubblicato: 20 aprile 2016

Autore:

Categoria: Comune di Montopoli di Sabina

Tags:

+Commenti

Lascia un Commento