Il castello di Tarano

Home  /  Comune di Tarano  /  Scheda
×Informazioni

Per Tarano il cui toponimo indica con una buona probabilità un sito posto alla confluenza tra due corsi d’acqua le prime notizie risalgono al 952, quando nel corso di una importante permuta di beni fondiari collocati nei pressi di Magliano, comparve come perito, bonus homo extimator, Sergio da Tarano, fatto questo che rende plausibile l’esistenza del castello prima di questa data. Gli interessi di Farfa in quest’area divennero consistenti nei primi decenni dell’XI secolo.

Anche i pontefici, a partire in particolar modo Niccolò II, avevano iniziato ad estendere progressivamente il loro dominio all’interno del territorio diocesano attraverso una maglia sempre più fitta di castra specialia controllati direttamente che finì per soffocare i possessi farfensi in quest’area. Agli inizi del XII secolo Pasquale II, con il nuovo vescovo di Sabina, il cardinale Crescenzio, appartenente alla omonima famiglia, mise in atto una nuova strategia per contrastare, controbilanciare e poi ridurre l’influenza farfense nella zona. La prima mossa nota fu quella di recarsi in Sabina

Di questo viaggio, del suo itinerario e delle sue tappe ben poco conosciamo; l’unica cosa certa è che il 7 settembre del 1109, papa Pasquale II, era a Tarano. Soggetto ormai alla santa sede, Tarano corrispondeva un censo di sei libbre di provisini, come registrato da Cencio camerario Nel 1347 Tarano si sottomise a Cola di Rienzo e si ribellò più volte, in particolare tra 1351 e 1352 e fu ricondotto all’obbedienza con grandi difficoltà per le resistenze opposte dal forte partito ghibellino, che trovava incoraggiamenti ed aiuti a Narni. In questo periodo, come attesta il registro camerale del cardinale Albornoz del 1364 Tarano era riuscito ad estendere il suo dominio sui vicini castelli di Cicignano, di Fanello e di Montebuono

Il declino di Tarano come libero comune ebbe inizio nel 1372, quando fu infeudato a terza generazione ad un nobile perugino, Francesco degli Arcipreti, che faceva parte di una famiglia fortemente legata alla Chiesa. Nel 1392 papa Bonifacio IX giunse a Tarano nella mattinata del sabato 4 ottobre, dove sostò anche la domenica. Ripartito da Tarano il lunedì, nella stessa giornata raggiunse Narni, dopo aver confermato i diritti distrettuali su Cicignano

Nel 1399 Paolo Savelli, per recuperare un credito di 20.000 fiorini che il padre Luca vantava con papa Benedetto XI, occupò con la violenza il castello di Tarano. Il dominio dei Savelli sul castello si concretizzò nel maggio del 1409 quando Gregorio XII infeudò, a terza generazione, Tarano e Montebuono a Battista Savelli.

Divenuto comune autonomo, nel 1853 Tarano aveva raggiunto le 411 anime, 53 delle quali sparse per la campagna, 82 le famiglie, 81 le abitazioni.

+Elementi Correlati
+Meta dati

Pubblicato: 1 febbraio 2018

Autore:

Categoria: Comune di Tarano

Tags:

+Commenti

Lascia un Commento