Magliano Sabina, Tarano e Vescovio

×Informazioni

Questo itinerario è molto vario, comprende tre punti veramente interessanti della Bassa Sabina, sono paesi di grande interesse artistico e il bellissimo Santuario di Vescovio.

La prima tappa del nostro percorso riguarda il paese di Magliano Sabina, semplice da raggiungere dall’autostrada A1, uscita Magliano. Il paese di Magliano in antichità apparteneva al municipio romano di Ocriculum. Dal 1311 divenne libero comune e nel 1495, proprio a ridosso della fine del medioevo, su volere di Papa Alessandro Borgia, divenne sede della Diocesi di Sabina. Come altri paesi sviluppatisi sulle rive del Tevere, Magliano si è basata sulle possibilità che il fiume durante i secoli ha concesso. E come primo approdo, sicuramente il Museo Civico Archeologico offre grandi spunti di interesse e curiosità. Costruito dalla Regione Lazio nel 1989 è ospitato nella dimora storica di Palazzo Gori. Nel museo grande spazio trovano reperti risalenti al Paleolitico medio e superiore, sezioni dedicate alla Protostoria e al periodo arcaico. La fase ellenista, romana e medioevale al secondo piano del museo. Il borgo è classico dal punto di vista architettonico e bellissimo il panorama.

Uscendo dal paese, prendendo la strada provinciale 54, in direzione viadotto nordovest Santa Maria, ci spostiamo verso il paese di Tarano, a circa 18 km da Magliano. Tarano è un raccolto borgo tipicamente medievale, sulle dolci colline della sabina, con antiche case di pietra e la struttura inconfondibile degli antichi agglomerati. Un duomo preromanico offre spazio al bel campanile del XII secolo. Paese accogliente e di tradizioni tipiche, può essere un luogo ideale per ristorarsi e ammirare le bellezze circostanti.

Da Tarano, in dieci minuti, si prosegue per il suggestivo Santuario di Vescovio.  Indubbiamente il Santuario è il centro più antico, sia della storia civile, sia della storia religiosa del territorio sabino. Antica città romana, Forum Novum, con l’avvento del cristianesimo, diventa il fulcro della fede. Il Santuario nasce nel IV secolo d.C. e  sarà sede dei Vescovi Sabini sino al 1495. Un bellissimo parco circonda il Santuario, meta in primavera e estate, di privilegiate passeggiate.

+Elementi Correlati
+Meta dati
+Commenti

Lascia un Commento