Nella riserva naturale del Tevere Farfa in Mountain Bike

×Informazioni

Punto di partenza:  Casello A1 Ponzano Romano
Distanza da Roma :  50 km
Lunghezza:  28 km
Ascesa totale:  290 m
Quota massima:  210 mslm
Tempo in sella:  1h 45m
Sterrato:  65 %

Incantevole percorso nella valle del Tevere a nord di Roma; ambiente fluviale della riserva naturale del Tevere Farfa, con le sue bellezze e il suo fascino selvaggio. Impegno fisico limitato alla ripida salita che conduce al borgo di Nazzano. In caso di pioggia l’itinerario può essere comunque pedalabile, unico inconveniente il fango.

Come arrivare
Percorrere l’autostrada A1 in direzione nord ed uscire a Ponzano – Soratte. Subito dopo il casello voltare a destra per 200 m fino ad un piazzale in corrispondenza della strada provinciale per Ponzano dove è possibile sostare.
Per chi volesse a metà percorso si transita nei pressi della stazione di Monte Libretti servita dai treni urbani su cui è consentito il trasporto di biciclette

Km 0,0 – 35 mslm
Dal piazzale all’uscita del casello si prende la strada provinciale per Ponzano / Nazzano / Torrita Tiberina

Km 1,1 – 35 mslm
In corrispondenza di un distributore di benzina e metano lasciare la provinciale e prendere a sinistra

Km 1,8 – 35 mslm
Al bivio continuare su asfalto a destra. Dopo 400 m, in corrispondenza di un incrocio, proseguire dritti. Al km 3,1 la strada diventa sterrata e al km 3,6 ci si trova sul bordo del fiume che si segue nel suo corso

Km 4,7 30 – mslm
La sterrata principale gira a destra verso Filacciano. Noi proseguiamo dritti fra i campi coltivati in un ansa del fiume

Km 6,2 – 30 mslm
Arrivati al fiume si volta a destra

Km 7,1 – 32 mslm
All’incrocio giriamo a sinistra. Al km 8,8 pieghiamo a destra sulla traccia principale

Km 9,6 – 30 mslm
In corrispondenza di una casa diroccata, prima di raggiungere i grossi tubi dell’acquedotto del Peschiera, si gira a destra in salita su asfalto

Km 9,9 – 55 mslm
Si imbocca la strada provinciale in discesa per 700 m

Km 10,6 – 30 mslm
Noi prendiamo lo stradello in discesa girando subito dopo a destra lungo il fiume La provinciale invece prosegue con un ponte sul fiume e raggiunge dopo circa 1 km la stazione di Poggio Mirteto scalo da dove può iniziare il percorso chi si serve del treno

Km 11,2 – 30 mslm
Si prosegue dritti sulla larga sterrata costeggiando il fiume. I numerosi cartelli indicatori ci ricordano che siamo all’interno del parco naturale del Tevere Farfa. Percorsi 5 km, in corrispondenza di un vecchio attracco per traghetti, la strada gira a destra diventando asfaltata ed iniziando a salire

Km 16,9 – 30 mslm
In corrispondenza di un ampio parcheggio prendiamo la salita a destra con molta calma; ci aspetta 1 km al 15%

Km 18,0 – 163 mslm
Terminato il tratto più impegnativo della giornata giriamo a sinistra seguendo le indicazioni per Roma / Autostrada A1, superando gli incroci per Torrita Tiberina (km 19,0) e per Ponzano (km 19,1)

Km 19,9 – 197 mslm
Si lascia la provinciale 15/a in corrispondenza del km 32,400 girando a destra per Civitella e dopo 100 m di nuovo a destra seguendo le indicazioni per S.Francesco. Si rimane per 2 km su via S.Francesco tralasciando le traverse che si incontrano

Km 21,9 – 205 mslm
In corrispondenza di una curva a destra fare attenzione: la sterrata principale prosegue verso S.francesco, noi prendiamo lo stradello a sinistra che inizia subito dopo a scendere diventando, dopo una casa, asfaltato

Km 23,3 – 83 mslm
Si gira a destra proseguendo poi lungo la scarpata dell’autostrada tralasciando le deviazioni laterali su fondo in parte asfaltato. Dopo circa 3 km un grosso cassone dei rifiuti ed il sottopasso autostradale ci riportano alla civiltà

Km 26,4 – 35 mslm
Sulla provinciale giriamo a sinistra per tornare, in 1,3 km, al punto di partenza.
Per chi volesse, percorrendo 300 m verso Ponzano, è possibile visitare la bella chiesa romanica di S.Andrea in Flumine

(Si ringraziano Paola e Gino per il loro prezioso contributo)

+Gallery
+Elementi Correlati
+Meta dati

Pubblicato: 31 maggio 2016

Autore:

Categoria: Itinerari Naturalistici

Tags:

+Commenti

Lascia un Commento